CERCA E PRENOTA ALLOGGIO
data di arrivo

CERCA E PRENOTA

  • Prenota qui perchè:  
  • nessun costo di prenotazione  
  • contatto diretto  
  • solo strutture partner APT  
  • piattaforma sicura al 100%

Percorsi per famiglie Spiazzo family

 

 

PERCORSO GIALLO: giro della ciclabile

Dal municipio scendere sulla statale, attraversarla e continuare lungo la chiesa (punto di interesse N° 2) e il Museo della Guerra Bianca Adamellina (punto di interesse N° 1). Passare sul ponte e girare a destra sul marciapiede; continuare lungo la pista pedonale, che poi diventa sterrata, in sinistra orografica del fiume Sarca, fino a giungere ad un prato; seguire la traccia del sentiero e raggiungere la pista ciclabile; girare a destra in direzione Pelugo e proseguire fino al ponte sul fiume; attraversare il parco giochi Masere e prendere la strada asfaltata fino alla cappella Baltarin; da qui proseguire, passando a valle della chiesa di S. Antonio (punto di interesse N° 3), e arrivare di nuovo sulla statale. Attraversarla, entrare nel borgo di Mortaso e percorrere la strada che riporta a monte del municipio.

 

PERCORSO ARANCIONE: giro della pieve di Rendena

Dal municipio scendere sulla statale, attraversarla e proseguire lungo la chiesa (punto di interesse N° 2) e il Museo della Guerra Bianca Adamellina (punto di interesse N° 1). Passare sul ponte e proseguire dritto, fino ad imboccare la strada per Bocenago per 250 m; prendere poi il tracciato che attraversa i campi e si ricollega al sentiero che passa dietro lo skilift, scende lungo il Rio Re e arriva in corrispondenza di una costruzione agricola. Girare a sinistra per ricongiungersi alla strada che sfocia dopo l’abitato di Ches, da dove prendere la pista ciclopedonale in direzione Pelugo fino al ponte sul Sarca; percorrerlo e imboccare la strada asfaltata che arriva alla cappella Baltarin. Da qui salire a sinistra fino alla strada statale, attraversarla e risalire il prato lungo il tracciolo che fiancheggia il Rio Bedù in sinistra orografica fino ad incrociare un bel sentiero largo (sinter da li vidi - fiancheggiato da terrazzamenti e muretti a secco - punto di interesse N°13), che arriva fino alla ultime case di Borzago. Risalire il borgo, imboccare di nuovo un sentiero che taglia il bosco parallelamente allo sviluppo del paese e che arriva al Rio Vagugn. Scendere verso la frazione di Mortaso, passando di fianco alla “rosta” (punto di interesse N° 10); arrivare alla statale, attraversarla e imboccare la strada verso sinistra, al primo incrocio girare a destra e scendere sulla ciclabile, che riporta al parco giochi e poi al ponte sul fiume Sarca, da dove tornare al punto di partenza.

 

PERCORSO BLU: Val di Borzago – S. Antonio

Dal municipio scendere sulla statale e percorrerla fino all’abitato di Mortaso; entrare nell’abitato (prima della piazza con la fontana) e salire fino al capitello, da dove imboccare il sentiero che sale nel bosco. Superare l’incrocio con un altro sentiero e proseguire in quota per circa 1 km, oltrepassare la Val da Casa e prendere la strada asfaltata per la val Borzago. Dopo circa 700 m si incontra il monumento alle portatrici d’assi (punto di interesse N° 5); da qui la strada sale in sinistra orografica del torrente Bedù (punto di interesse N°15) per circa 1,5 km e arriva al ponte sul rio. Attraversare il ponte e proseguire in discesa per circa 2 km fino al paese di Pelugo. Scendere lungo le strade del paese fino a tornare sulla statale; attraversarla, dirigersi a destra verso la cappella Baltarin e, dopo questa costruzione, girare a sinistra, seguire la traccia che attraversa i campi fino ad incrociare nuovamente la statale; seguirla a destra lungo il marciapiede e tornare al punto di partenza.

 

PERCORSO ROSSO: giro Stablo Nisafta Paù

Dal municipio scendere verso la chiesa (punto di interesse N° 2) e il Museo della Guerra Bianca Adamellina (punto di interesse N° 1); attraversare il ponte e proseguire fino all’incrocio con la strada per Bocenago, dove prendere la stradina che continua nella direzione di provenienza. Arrivati ad una stalla girare a destra e proseguire fino ad imboccare la strada forestale che sale nel bosco, passando vicino alla calchéra (punto di interesse N° 9). Dopo 1 km circa dall’imbocco prendere il sentiero a sinistra che sale abbastanza ripido nel bosco, fino a ricongiungersi nuovamente alla strada forestale. A questo punto girare a sinistra, seguire la strada per circa 1,5 km e prendere il sentiero che, a sinistra, scende nel bosco, arriva in località Palù e riprende una strada forestale. Seguire tutta questa strada fino a sfociare a monte dell’abitato di Fisto. Da qui rientrare in paese. Variante: nei pressi di località Palù, dal sentiero principale si distacca la mulattiera storica via nova (punto di interesse N° 14), che termina a monte del borgo di Fisto.

 

Legenda

 

PASSEGGINI - FACILE
Itinerari nel centro storico dei paesi, che dispongono di tutti i servizi pubblici e privati. Accessibilità massima.
BAMBINI 3-6 anni - FACILE
Percorsi pianeggianti che dispongono di aree ristoro, aree pic nic, parco giochi. Accessibilità massima.
 BAMBINI 6-9 anni - MEDIO
 Sono percorsi più lunghi; la quota si alza e aumenta anche il dislivello. Si svolgono per la maggior parte al di fuori dei paesi, per cui i servizi si limitano a panchine e aree sosta. L’accessibilità non è più totale per la possibilità di tratti sterrati e non battuti.
RAGAZZI 10-12 anni - MEDIO IMPEGNATIVO
Itinerari a mezza quota, tra boschi e radure. Oltre a panchine non ci sono altri servizi. Si consiglia il pranzo al sacco.
RAGAZZI 13-14 anni - IMPEGNATIVO
Sentieri escursionistici che superano un dislivello importante e che richiedono una discreta confidenza con l’ambiente di montagna. Pranzo al sacco.

LUNGHEZZA

TEMPO PERCORRENZA

DISLIVELLO

 

 

RICHIEDI INFO

contatti - dove siamo

Uff.
Madonna di Campiglio

+39 0465 447501

Uff.
Pinzolo

+39 0465 501007

WhatsApp
 

+39 0465 447502
time diff=3.5649812221527