CERCA E PRENOTA ALLOGGIO
data di arrivo

CERCA E PRENOTA

  • Prenota qui perchè:  
  • nessun costo di prenotazione  
  • contatto diretto  
  • solo strutture partner APT  
  • piattaforma sicura al 100%

Bocenago

 

Posto sulle pendici occidentali del monte Toff, Bocenago è il paese che più di tutti ha conservato la tipica architettura rurale dei suoi edifici, originalissima e legata all’economia silvo-pastorale. Gli edifici sono caratterizzati da robusti basamenti in muratura di forma rettangolare, dove trovavano spazio il focolare e la stalla, sormontati da leggere strutture di legno.
I portali sono rigorosamente in granito e sulle ampie facciate si affacciano originali poggioli. Il centro del paese è indicato da un’originale fontana composta da due grandi massi, uno di granito a simboleggiare l’Adamello e uno di dolomia a richiamare le Dolomiti di Brenta. Camminando per il paese, quindi, si può vivere l’atmosfera di un tempo e notare la volontà degli abitanti di ricordare un passato ricco di storia, di tradizioni, di cultura, coniugandolo con l’evoluzione dei tempi.

 

 

PUNTI DI INTERESSE CULTURALE


1. Chiesa di Santa Margherita

Posta su un ampio piazzale panoramico, la chiesa, dalla caratteristica forma a croce di Sant’Andrea, è documentata a partire dal 1427, e ha subito nel corso del tempo numerosi rimaneggiamenti e ampliamenti; tra gli ultimi, quello del 1922, quando venne inaugurato il complesso campanario, considerato il più armonico della valle. La facciata è arricchita da stipiti in marmo rosso e nero, che fiancheggiano le porte laterali, e dalle figure in ferro poste sulle cancellate all’ingresso del cimitero e del terrazzo panoramico. All’interno sono presenti diversi notevoli affreschi e tra le decorazioni pittoriche spicca la pala dell’altare di destra che rappresenta il “Compianto sul Cristo deposto”, uno dei primi esempi di dipinto su tela del Trentino.


2. Targa “préda dai mòrc”

Targa in ricordo della peste del 1630 che distrusse le frazioni di Canisaga e Varcè. Dati questi eventi, le vaste porzioni di boschi di proprietà di questi paesini passarono a Bocenago.



3. Targa crau (comitato rendenese anti uranio)

Targa in ricordo del movimento popolare di rifiuto allo sfruttamento del minerale di uranio rilevato sui monti intorno al paese.

 

 

4. Galleria Come Eravamo

La galleria ospita la mostra permanente sui vecchi mestieri e usanze di un tempo. Si collega alla manifestazione “Vecchia Rendena, Come Eravamo”, nata nel 1986 dall’idea di far rivivere per un giorno i tempi del passato. Tutto il paese si trasforma e riporta alla realtà un’epoca scomparsa, riproposta con assoluta fedeltà e ricerca del dettaglio; nelle piazze e piazzette del paese, che si trasforma in un grandioso palcoscenico, si incontrano tutti i mestieri di una volta, dagli scalpellini al fabbro, dalle lavandaie alle portatrici d’acqua...


5. Laboratorio dei vecchi mestieri



 



6. Baitot dal Ferucio

Situato in località Giardin, fino agli anni ’40 era abitata durante la notte da una guardia che dalla finestra di questa casa sorvegliava il paese e l’intera valle, segnalando prontamente eventuali incendi.

 


7. Golf Club Val Rendena

Si estende su una superficie di 250.000mq sui comuni di Caderzone Terme, Strembo e Bocenago; sfruttando al massimo le caratteristiche del terreno, si presenta con dislivelli accattivanti, lambiti o attraversati da corsi d’acqua e laghetti, fairways ondulati e green ampi. Il Percorso si sviluppa su 9 buche par 35, dispone di campo pratica, putting green, pitchin green; la club house propone ristorante, pro shop, solarium.

 

8. Capitello



 

 


9. Monumento ai caduti

 


 

 


10. Capitello Don Feliziano

 





11. Affreschi






12. Fontane e lavatoi



 




PUNTI DI INTERESSE NATURALISTICO



13. Cascata del Masanèl

 


 



14. Brogn su Briu



 




RICETTE


Torta di Fregolotti
Ingredienti

- 500 gr di farina bianca

- 400 gr di burro

- 300 gr di zucchero semolato

- 300 gr di mandorle o noci

- succo di 1/2 limone

- grappa

- pane grattuggiato

-1 bustina di lievito

Scottare in acqua bollente le mandorle, poi lavarle e tritarle finissime. Imburrare una tortiera di diametro di circa 24 cm e spolverizzarla di pane grattugiato. Mettere sulla spianatoia la farina, lo zucchero, la scorza grattugiata del limone e 1⁄2 succo di questo, le mandorle tritate e il lievito; mescolare insieme gli ingredienti amalgamandoli bene, unire il burro a pezzetti e un poco ammorbidito e impastare insieme il tutto, versando, durante la lavorazione, due cucchiaiate di grappa. A lavoro ultimato, la pasta non riuscirà compatta, ma tutta sbriciolata; far cadere queste briciole (“bozzoletti” nel dialetto trentino) nella tortiera, facendo in modo che formino uno strato irregolare. Infine mettere la tortiera in forno caldo (180°) per circa un’ora. Levarla dallo stampo una volta cotta.



Canederli

Ingredienti per 4 persone

- 6/7 panini raffermi
- 2 bicchieri di latte

- 2 lucaniche

- 1 etto di pancetta arrotolata

- 1 etto di grana grattugiato

- 2 uova intere

- 3 cucchiai di farina bianca

- sale, pepe, prezzemolo, aglio (mezzo spicchio)
Tagliare il pane a dadini, metterlo in una zuppiera, bagnarlo con il latte tiepido e lasciarlo a bagno per un’ora. Quando il latte è assorbito, sminuzzare il tutto, aggiungere le lucaniche sbriciolate e la pancetta tritata, le due uova, il grana, due belle cucchiaiate di prezzemolo, mezzo spicchio d’aglio ben tritato e i 3 cucchiai di farina. Amalgamare bene il tutto e formare della palline di circa 5-6 cm di diametro; cuocerle nel brodo bollente finché affiorano (circa 10-15 minuti). In alternativa si possono cuocere in acqua bollente salata e poi condire con burro fuso, salvia e grana grattugiato.

 

 

Le cartine delle passeggiate family di Bocenago sono in distribuzione presso i Comuni della Val Rendena, le Pro Loco e gli Uffici Informazione dell'Azienda per il Turismo

RICHIEDI INFO

contatti - dove siamo

Ufficio Madonna di Campiglio

+39 0465 447501

Ufficio Pinzolo

+39 0465 501007

ISCRIZIONE NEWSLETTER

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivimi

 

Facebook

Instagram