Museo della Guerra bianca adamellina

Autor: Alberta Voltolini

Il Museo della Guerra bianca adamellina fa parte della Rete dei Musei della Grande Guerra in Trentino e presenta una collezione di oggetti e memorie provenienti dal fronte Adamello-Carè Alto

reperti della grotta sul Cavento in mostraEra attesa da tempo, a completamento di un percorso museale già ricchissima di storia, pensieri, riflessioni. Il riferimento è al Museo della Guerra bianca adamellina di Spiazzo che, a partire da dall'estate 2021, presenta un nuovo allestimento che conduce il visitatore alla scoperta di quell’incredibile tesoro di memoria umana in tempo di guerra che è la galleria del Corno di Cavento (a 3.400 m slm è la cima simbolo della guerra bianca in Adamello, contesa dall’esercito austro-ungarico e da quello italiano) con i reperti recuperati negli anni scorsi.

La galleriaLa galleria, di cui erano conosciute l’esistenza, ma non la localizzazione precisa, si è svelata a partire dalla calda estate del 2003 caratterizzata da un importante scioglimento di neve e ghiaccio. Poi, dal 2007 al 2010, è stata recuperata dalla Provincia autonoma di Trento (Soprintendenza per i Beni storico artistici e Servizio Bacini montani) insieme alla Società Alpinisti tridentini e alle Guide Alpine. Dal 2011, attraverso escursioni guidate, è anche visitabile. Una parte degli oggetti recuperati e restaurati, testimone di un’incredibile quanto drammatica vita quotidiana a oltre 3.000 m di quota, è oggi visibile al Museo della Guerra bianca adamellina di Spiazzo.

Museo della Guerra Bianca Adamellina
"Recuperanti in Val Rendena" | Spiazzo

Il Museo e le sue originiIl Museo fa parte della Rete dei Musei della Grande Guerra in Trentino e presenta una collezione di oggetti e memorie provenienti dal fronte Adamello-Carè Alto.
La collezione è conservata e valorizzata dall’Associazione storico-culturale della Guerra Bianca Adamellina 1915-18.

Il Museo è nato dal desiderio di Sergio Collini e Giovanni Pellizzari di conservare quanto recuperato sui ghiacciai dell’Adamello-Carè Alto a partire dagli anni Settanta, in seguito al ritiro dei ghiacci che hanno cominciato a restituire reliquie di memoria.

Cosa vedereTra le testimonianze più significative che troviamo nel percorso espositivo, ricordiamo la cartografia austriaca riguardante l’assalto al Corno di Cavento, fotografie del tenente Fabrizio Battanta che partecipò alla riconquista italiana della cima, lettere e documenti di combattenti e reduci. Poi il diario originale del tenente Felix Hecht von Eleda, comandante del presidio austro-ungarico del Corno di Cavento, morto all’età di 23 anni nella difesa di Cima Carè Alto, croci in legno realizzate dai prigionieri russi e slitte recuperate sul ghiacciaio.

L’Associazione
Il Museo è gestito e curato, dall’Associazione storico-culturale della Guerra Bianca Adamellina 1915-18 di Spiazzo: Giovanni Pellizzari (presidente), Donatella Collini e Franco Cappelli (vicepresidenti), Matteo Motter, Alessandro Salvadori, Aldo Gottardi, Samuel Bonapace, Franco Righi e Adriano Cappelli (consiglieri).
Quando è aperto
Rimani in contatto per conoscere le prossime aperture.

Info: +39 0465 880091 | + 39 328 467 8827
www.museograndeguerra.cominfo@museograndeguerra.com

Bleiben Sie dran, Stay tuned!

Melden Sie sich für unseren Newsletter an und erhalten Sie alle News aus Madonna di Campiglio: Veranstaltungen, Ferienangebote, die besten Tipps zum Skifahren, Wandern, Bike-Parcours, Natural Wellness und zu vielem anderen mehr – entdecken Sie uns mit einem Klick!

Facebook Instagram Youtube Twitter
Schließen

Zeitraum wählen und filtern

Saison wählen:
Schließen

Informationen anfordern


Schließen

Für den Newsletter anmelden


Abbrechen
Schließen

Concept, Design, Web

KUMBE DIGITAL TRIBU
www.kumbe.it | info@kumbe.it 

DMS Destination Management System

Feratel Media Technologies
www.feratel.it | info@feratel.it 

Schließen

Danke

Ihre Anfrage wurde korrekt übermittelt und wir werden Ihnen so schnell wie möglich antworten. Eine Kopie der von Ihnen angegebenen Daten wurde an Ihre E-Mail-Adresse geschickt.

Danke

Vielen Dank: Wir haben Ihnen eine E-Mail gesendet, um Ihr Abonnement zu aktivieren und gegebenenfalls Ihre Präferenzen auszuwählen